Blog

18 dicembre 2017

Quali sono le leggerezze che i ciclisti compiono mentre guidano?

Con il freddo o con la bella stagione, sono sempre più gli italiani che scelgono di utilizzare le due ruote per gli spostamenti in città. Capita che la convivenza sulle strade con gli automobilisti non sempre sia semplice e se i conducenti delle quattro ruote hanno una polizza auto per circolare che, in qualche modo, li tutela dai danni che possono cagionare agli altri ed anche a se stessi se comprensiva della garanzia aggiuntiva degli infortuni conducente, i ciclisti in questo senso sono scoperti (a meno che non abbiano, almeno per se stessi, una polizza salute o vita).

Stando ai dati Istat, gli incidenti mortali che coinvolgono chi sceglie le due ruote a pedali sarebbero aumentati del 9,6% in un anno, ma secondo un’indagine realizzata lo scorso novembre su un campione di circa 1.000 italiani maggiorenni, sono tante anche le imprudenze mette in atto da chi gira in bicicletta.

In cima all’elenco delle imprudenze commesse vi è quella di circolare senza faretti e catarifrangenti (87%), seguita a poca distanza dal mancato utilizzo del casco (71%).

A pesare, ovviamente, sulla classifica dei comportamenti pericolosi messi in atto dai ciclisti è la carenza di piste ciclabili in molte città italiane. In palese violazione al codice della strada ben il 60% dei rispondenti ha dichiarato, ad esempio, di pedalare sul marciapiede facendo lo zig zag fra i pedoni. Tra questi il primato sembra essere delle donne che rappresentano sul totale il 51 per cento.

Più di un ciclista su due (53%) non usa mai il giubbotto catarifrangente. Più in generale tuttavia, l’eccesso di sicurezza dimostrato dai ciclisti è il fattore alla base di alcuni comportamenti che possono avere gravi conseguenze, come dovrebbe invece sapere il 33% del campione che in gruppo non viaggia in fila indiana ma uno accanto all’altro, e il 17% che circola senza mettere le mani sul manubrio.

Meno frequenti ma altrettanto pericolosi sono poi alcuni comportamenti che raccolgono meno del 10% delle risposte fornite: il 9% degli intervistati porta con sé anche passeggeri maggiorenni, il 6% resta in sella alla bici anche quando ha il cane al guinzaglio mentre il 4% si lascia trainare da un amico in auto tenendosi alla portiera.

FONTE: www.assicurazione.it

, , , , , ,